Cookie Policy Privacy Policy


BENVENUTI NEL PORTALE REGIONALE "ASSOCIAZIONE CULTURALE DI PROMOZIONE SOCIALE" CALABRIA IN RETE
 
ESPONI IL NOSTRO LOGO
 

 
CONVENZIONATI CON NOI
 



 
I TUOI PRODOTTI
 

 
PARTNERS NO PROFIT
 

ASSOCIAZIONI CULTURALI
 
ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO
 





ASSOCIAZIONE CARLOTTA



Negli ultimi anni il peggioramento delle condizioni economiche di una cospicua parte della popolazione, unito, sempre per effetto della crisi, ai recenti provvedimenti di contrazione e riorientamento della spesa sociale e di quella destinata pi√ɬĻ specificamente al contrasto alla povert√ɬ† e all'esclusione sociale, ha gravato sulla famiglia, tradizionale ammortizzatore sociale. Se, per un verso, la famiglia va identificata come dimensione specifica in cui si sviluppano altrettanto specifiche forme di disagio sociale, dall'altra ad essa va riconosciuto lo statuto di soggetto sociale in grado di attuare concrete forme di supporto socio-economico. Nonostante ci√ɬ≤, in Italia assistiamo ad un significativo paradosso: la famiglia pur agendo nel tessuto sociale, al pari di altri attori istituzionali, in virt√ɬĻ di una legittimazione che le deriva dalla tradizione e dal milieu socioculturale tipico del nostro paese, √ɬ® stata fatta oggetto di scarsa attenzione da parte delle politiche pubbliche. Fino ad oggi nella progettazione di interventi volti a risolvere alcune problematiche legate alla famiglia, ha prevalso la logica dell'intermittenza, della frammentarieT√ɬ†, del breve periodo, per cui la famiglia non √ɬ® quasi mai stata riconosciuta come destinataria diretta delle azioni. Adesso pi√ɬĻ che mai occorre per√ɬ≤ passare da politiche indirette e implicite a politiche dirette ed esplicite che riconoscano la rilevanza delle funzioni sociali svolte dalla famiglia. In questo scenario ripensare il sistema di welfare nel nostro paese vuol dire identificare la famiglia come soggetto sociale a rischio di povert√ɬ† ed esclusione sociale, e dunque destinataria di interventi e azioni mirate, e, al contempo, riconoscerle la funzione di tutela sociale, in grado com'√ɬ® di realizzare forme di sostegno/supporto informale.

Il progetto di "Carlotta" ha questo scenario come punto di riferimento essenziale ed ineludibile e dentro il quale promuovere e rafforzare una "rete" di alleanze orizzontali e verticali che possano fornire risposte, anche in termini emergenziali, con azioni anche innovative ed in grado di delineare una "strategia" aggressiva contro le nuove povertà e le nuove marginalizzazioni.

Raggiungere e sostenere, nelle citt√ɬ† calabresi, attraverso segnalazioni della Caritas e/o di altri soggetti anche istituzionali e mediante verifica delle condizioni di particolare e grave disagio √ā¬†(con certificazione ISEE) famiglie che abbiano necessit√ɬ† di sostegno alimentare.

Tramite l' "Emporio Solidale", una volta a settimana, alle famiglie viene consegnata una congrua fornitura di frutta e verdura (questa attività è già partita con l'individuazione delle famiglie, oggi sono già n.43, tramite la Caritas Diocesana della Parrocchia Madonna di Pompei di Catanzaro).






 
EVENTI
 



 
PROVINCE E COMUNI
 

 
METEO
 


 
LA TUA ATTIVITA'
 

 
FOTO STORICHE
 

 
FOTO RECENTI
 

 
FOTO VIDEO
 

 
LA TUA ATTIVITA'
 

 
OFFERTE DI LAVORO
 

 
MERCATINO DELL'USATO
 

 
IMMOBILIARE
 

 
SONDAGGIO
 

VACANZE IN CALABRIA

BELLISSIMO TUTTO OK RITORNERO'
POTEVA ANDARE MEGLIO - RITORNERO'
NON MI LAMENTO MA NON RITORNERO'


Risultati
 
EMIGRANTI
 

DOVE SEI ?

Stiamo vicini con Calabria in Rete.

Entra
 
Sponsor